Non soccombere allo strumento!

Postato il

Atelier Posturale Artistico

Postura dell'arpista   foto di Mirella Pavia Postura dell’arpista foto di Mirella Pavia

Strumenti di grandi dimensioni, come ad esempio le arpe, che raggiungono decine di kg in appoggio sulla spalla di chi suona, oppure più leggeri flauti traversi dal minimo peso apparente possono decisamente influire sulla salute del musicista.

Prima ancora di arrivare ad un sintomo fisico l’allievo o il professionista dovrebbe cercare di dare ascolto ai segnali che predicono problemi in arrivo:

Scarsa attenzione nei confronti del pezzo che si sta preparando, talvolta difficoltà ripetute nell’esecuzione di brani anche non particolarmente difficili, difficoltà a gestire la posizione neutra con voglia di sgranchirsi, di alzarsi, di sollevare le spalle. (Queste tematiche sono state raccolte nella pubblicazione “Insegnare la postura in ambito musicale”, al servizio dei docenti e degli stessi allievi).

Se chi suona ha la possibilità di essere controllato dall’insegnante, quest’ultimo, con un punto di vista esterno di sicuro potrà intercettare questi momenti…

View original post 346 altre parole

Sistema viscerale, amico nemico del cantante

Postato il

Sistema viscerale, posturale e mobilità del mantice respiratorio sono interconnessi e interdipendenti. Pressioni addominali, pressioni aeree polmonari sono in continuo equilibrio. Ciò  genera un flusso aereo consono all’emissione, sia del parlato che nel cantato.P_20180102_152133_vHDR_On_1_1

La differenti tecniche vocali possono utilizzare in maniera diversa queste strutture, applicandosi più alla mobilità costale oppure più a quella sotto diaframmatica, possono ricercare spazi più in diametri laterali oppure antero posteriori.

Il movimento è possibile anche grazie all’adattamento delle strutture viscerali addominali.

Esse hanno potere di concedere spazio oppure di limitarlo, parzialmente o sensibilmente, talvolta creando sensazioni di disagio.

La più frequente problematica viscerale del cantante è il reflusso gastro esofageo e talvolta l’ernia iatale, da cause molteplici.

Il sistema viscerale ha una biomeccanica precisa, influenzata dalla mobilità costo-diaframmatica capace in caso di patologia, disfunzioni, trazioni cicatriziali, di alterare la normale funzione, sia a riposo che durante l’attività del cantante.

Pensiamoci…le feste non sono ancora finite!!

Liuteria e problematiche fisiche

Postato il Aggiornato il

Sono belli, suonano bene, esteticamente ci appagano ma sono spesso asimmetrici e ci obbligano ad adattare il nostro corpo alla loro forma. Gli strumenti musicali ben prima di essere suonati,  durante la loro costruzione, dal reperimento delle materie prime alla loro lavorazione e rifinitura necessitano di grande attenzione ed energie fisiche da parte di chi le costruisce.

Nella liuteria elettrica,  lavorazione tradizionale e la tecnologia si fondono e nell’ambito artigianale nascono vere e proprie opere d’arte, pezzi unici pensati, progettati e infine creati attraverso un processo lavorativo che richiede molte ore di impegno, posizioni fisiche non ottimali di chi le costruisce e movimenti spesso ripetitivi.

Ai liutai il compito di informarci sulle loro problematiche fisiche, vogliamo conoscervi un po’ di più, visto che ci rifornite di tanta bellezza lignea.

Il questionario a loro dedicato, in collaborazione con Andrea Ballarin , liutaio di Manne Guitars (www.manne.com) puoi compilarlo e condividerlo con i tuoi colleghi liutai, anche in ambito di strumenti acustici.

Conoscere i problemi per cercare soluzioni. Quando? Presto…presto… e per i chitarristi?? Calma calma…arriviamo.

IL questionario è a questo link  Compilalo e condividi!!

Tiriamo le somme

Postato il Aggiornato il

Queste due foto sono la sintesi del mio lavoro di quest’anno…credo che continuerà così anche il prossimo. Il sudore e la condivisione.

La prima foto rappresenta il laboratorio, la materia, la ricerca di soluzioni attraverso la conoscenza e la modifica degli oggetti, in questo caso strumenti musicali, in collaborazione con Manne Guitars, la seconda mi vede al convegno di Voce Artistica a cui ho avuto il privilegio di prender parte come relatore.

Un anno fa circa ho deciso di modificare il mio approccio nei confronti degli amici musicisti, prendendomi un po’ di tempo per riordinare le idee e studiare, si studiare un po’ meglio quello che in testa stava frullando, di fare prendere aria alle idee. Inizialmente ero timoroso di perdere occasioni lavorative. In realtà sono stato ripagato da fiducia e una quantità di energie nuove e inaspettate.

“Condivisione” è stato il mantra che mi ha guidato. “Fatica”  è stata una gradita  costante nella ideazione e nella realizzazione dei progetti. Quest’anno si conclude con nuovi programmi, nuovi amici e collaboratori, nuovi percorsi didattici in fase di realizzazione. Li snocciolerò nei prossimi mesi sperando che siano di vostro interesse.

Sono grato a tutti coloro che ho incontrato in questi mesi e che hanno nutrito la mia curiosità. A voi tutti, con le vostre domande e i vostri suggerimenti devo la mia voglia di continuare in questo modo.

Altri propositi per il nuovo anno…? Perdere qualche kilo, ovviamente.

 

 

 

Voce in microgravità

Postato il

Come e quanto il sistema posturale influenzi l’emissione vocale è ancora un mistero non del tutto svelato. Tuttavia è interessante valutare, in assenza di gravità, come le caratteristiche di chi canta possano essere diverse rispetto alla stessa azione espressa sulla terra. Un cantante nello spazio?? Ebbene si, lui è il Capitano Chris Hadfield, sulla stazione spaziale ha montato il video di una cover della celeberrima “Space Oddity” di D.Bowie.

hadfield2I miei dubbi sulla registrazione della traccia voce sono stati chiariti gentilmente dallo staff, confermando che la take della traccia voce è stata incisa sulla stazione, dunque in assenza di gravita, ovvero, senza l’impegno del sistema muscolare con finalità posturali antigravitarie.

link al video di Space Oddity

 

hadfield

La cosa interessante è che il Cap. Hadfield canta e pubblica canzoni che è possibile ascoltare sul suo sito. http://chrishadfield.ca/music/

Ora sta a voi la valutazione delle caratteristiche vocali in assenza di gravità rispetto a quella sulla terra.

Le caratteristiche cambiano? A mio parere si. Su come e su come valutarle oggettivamente dobbiamo lavorare.

Il sistema posturale, in condizioni normali, sulla terra, agisce come supporto strutturale e come sinergico all’emissione vocale , in assenza di gravità la funzione di sostegno viene meno e prevale lo schema posturale tipico degli astronauti, in flessione di anca, di ginocchio che si osserva bene nel video e nelle foto. Questo si può riflettere nella modifica delle caratteristiche vocali nel canto.

Spostiamo più su i confini della conoscienza. Se di “appoggio e sostegno” il canto si nutre, noi nutriamoci della nostra curiosità.

Problematiche corporee e canto

Postato il Aggiornato il

Aggiorniamo il questionario con i più frequenti problemi che i cantanti mettono in relazione alla pratica artistica.

Puoi vedere i risultati cliccando in fondo su “view results”

Voce Artistica 2017

Postato il

Con piacere ci si prepara per il convegno di Voce Artistica 2017, prima volta sia da uditore che da relatore, onorato dell’invito, desideroso di ascoltare ed imparare.

Ci vediamo a Ravenna il 26-27-29-29

Programma